Ode a Lei, la mitica, inimitabile, insuperabile Rita ed alla leggendaria Pappa con il Pomodoro!

Ravanello ama moltissimo i classici della cucina italiana, a volte preferisce alleggerirli o rinnovarli, ma quando sono già perfetti, non può fare altro che inchinarsi ed … eseguire alla lettera!

La cena di questa sera? eh già … ancora una volta il frigo deserto. In un angolo della cucina il pane fatto in casa e, nascosto in frigo, mezzo barattolo di passata ed un unico solitario cippollotto. E così la tradizione rifiorisce, omaggiando in pieno la sua sostanza, la sua ratio, la sua poetica necessità e, dall’essenziale, nasce la cena che onora la sua sacra festa.

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr di passata di pomodoro bio (se la fate d’estate, optate per i pomodori freschi)
  • 400 gr di pane integrale bio di pasta madre … raffermo è la morte sua! Se poi è toscano … avete fatto bingo!
  • 800 ml. di buon brodo vetegale fatto in casa (Ravanello se la cava con il dado vegetale home made)
  • basilico a sentimento
  • cipollotto o cipolla o aglio … de gustibus
  • mezzo bicchiere di olio EVO bio
  • sale integrale di Sicilia
  • pepe, se gradito

In un tegame far soffriggere il cipollotto (o l’aglio o la cipolla o tutti e tre, se vi piace) ed un pò di basilico con l’olio EVO. Salare e far prendere sapore. Unire il pane tagliato a fette e far insaporire da tutti i lati. Aggiungere la passata di pomodoro (d’estate, sono ottimi i sugosi pomodori freschi, precedentemente scottati e pelati) e far raggiungere il bollore.

Salare nuovamente, arricchire con basilico e coprire il tutto con il brodo vegetale. Riportare di nuovo a bollore e far cuocere per ca 5 minuti.

Spegnere il fuoco e far riposare la pappa per un poco (c’è chi dice un’ora … ma dipende, anche, dalla fame che avete!). Prima di servire rimescolate bene gli ingredienti e riscaldate.

La pappa al pomodoro si può proporre fredda o calda, a seconda dei gusti e delle stagioni.

PS: Il pane può essere preventivamente abbrustolito per una ghiotta nota di sapore.

Rita Pavone
“Viva la pappa col pomodoro”
(1964)

Viva la pa-pa-pappa
Col po-po-po-po-po-po-pomodoro
Ah viva la pa-pa-pappa
Che è un capo-po-po-po-polavoro
Viva la pa-pappa pa-ppa
Col po-po-pomodor

La storia del passato
ormai ce l´ha insegnato
Che un popolo affamato
fa la rivoluzion
Ragion per cui affamati
abbiamo combatutto
Perciò “buon appetito”
facciamo colazion

Viva la pa-pa-pappa
Col po-po-po-po-po-po-pomodoro
Ah viva la pa-pa-pappa
Che è un capo-po-po-po-polavoro
Viva la pa-pappa pa-ppa
Col po-po-pomodor

La pancia che borbotta
è causa del complottto
è causa della lotta:
“abbasso il Direttor !”
La zuppa ormai l´è cotta
e noi cantiamo tutti
Vogliamo detto fatto
la pappa al pomodor !

Viva la pa-pa-pappa
Col po-po-po-po-po-po-pomodoro
Ah viva la pa-pa-pappa
Che è un capo-po-po-po-polavoro
Viva la pa-pappa pa-ppa
Col po-po-pomodor
Viva la pa-pappa pa-ppa
Col po-po-pomodor !

Un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

Annunci