Ed ecco una nuova ricetta nata da una golosa suggestione. Ravanello si è fatto prendere per la gola e, dopo un veloce giro in cucina (da cui è uscito sconfitto: possibile che quando servano gli ingredienti giusti, non ci sono mai?), ha creato questi Spätzle poveri, semplici, improvvisati e deliziosi.

Prima di spiegarvi la ricettina, ci vuole la dedica: questo post è per la bella Barbara, conosciuta mentre Ravanello cucinava a Cascina Rosa ed allorquando la stessa suggeriva, ad un’altra commensale sua dirimpettaia, una visita ad un bel blog di cucina dal nome così lieve … “ravanellocurioso“! Capirete la felicità di Ravanello quando l’ha sentita …

Ed ora, ai fornelli.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE:

  • 300 gr di farina bio integrale
  • 150 gr di farina bio di semi di lino
  • 100 gr di latte di soia bio (o più, se necessario)
  • 300/400 grammi di erbette saltate in padella
  • 1 pizzico di sale integrale
  • noce moscata e pepe se graditi

PER IL CONDIMENTO:

  • panna vegetale bio ca. 200 gr
  • qualche fogliolina di salvia bio
  • sale integrale qb

PREPARARE GLI SPATZLE: frullate la verdura, fino a ridurla in purea. Aggiungete le farine, il sale, il pepe e la noce moscata e mescolate bene; pian piano aggiungete un pò di latte di soia, fino a quando il composto risulti morbido. Fatene una palla e mettetela a riposare per almeno un’ora. Ora … occorre cercare una soluzione creativa per realizzare gli Spätzle. O avete questa bella caccavella qui super-professional, oppure vi dovete sbizzarrire: potete usare una grattugia da cucina come la mia (la vedete in foto), oppure uno schiacciapatate come questo oppure … potete sempre fare affidamento sulle vostre uniche ed inimitabili mani: con esse si ricavano delle “bisce” di impasto, ci si posiziona sopra la pentola d’acqua e, man mano, si staccano pezzetti da buttare direttamente nell’acqua bollente.

Il bello degli Spätzle è che hanno una forma decisamente irregolare e non richiedono alcun tipo di precisione.

PREPARARE IL CONDIMENTO: mettere sul fuoco un goccio d’olio e far insaporire un poco la salvia; aggiungere tutta la panna, salare a gusto e spegnere subito. In questo modo la panna rimane fluida e non si rapprende subito.

CUOCERE GLI SPATZLE: Far bollire abbondante acqua salata e buttarvi gli Spätzle; appena vengono a galla, raccoglierli con una schiumarola e metterli nella pentola con la panna (non serve essere maniacali nella scolatura … un pò di acqua aiuta e migliora la cremosità!). Ripetere l’operazione fino alla fine.

A questo punto riaccendere il fuoco e girare accuramente la pasta, avendo cura di amalgamare bene il tutto.

Impiattare e spolverare con un pò di noce moscata e pepe nero appena macinati.

E come sempre un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Annunci