Da dariavegan -INFO dal mondo vegan

Quando Leonardo da Vinci scriveva “verrà un giorno in cui l’uccisione di un animale sarà considerata come l’uccisione di una persona”,non poteva certo immaginare la dimensione che i massacri di animali avrebbero assunto in occasione delle festività.

Mai, come nel momento presente, l’industria alimentare macina, è il caso di dirlo, milioni di vite per produrre cibo, oltretutto sprecato nella misura del 45 per cento. E, in più, il cibo comunque consumato in eccesso è responsabile della stragrande maggioranza delle patologie umane più gravi.

A Pasqua tutto questo assume la dimensione ancor più crudele della strage di piccoli, fatti nascere solo per essere allontanati dalle madri e, spesso dopo viaggi allucinanti, essere uccisi per finire nel piatto.

Pochi spettacoli sono più sinistri, specie agli occhi di chi ha deciso di non alimentarsi più di animali, delle infinite, stucchevoli e sempre uguali trasmissioni televisive in cui ridenti e, speriamo almeno, ignare massaie illustrano i tanti modi di cucinare e mettere in tavola una povera creatura.

Aprire, tagliare, disossare: sembrano termini di un racconto horror reso più paradossale dal contrasto con l’atmosfera festosa in cui viene rappresentato.

Proviamo, per una volta, a guardare la Pasqua dal punto di vista di chi nel piatto ci finisce. E anche dal punto di vista di chi – le povere pecore – si vede strappare il proprio piccolo e lo piange, si, proprio lo piange con lamenti strazianti, più umani di quelli umani.

L’augurio è che, in un tempo non troppo lontano, la Pasqua possa diventare, finalmente, buona per tutti: per noi umani, resi migliori dalla consapevolezza che niente di positivo viene dalla sofferenza e per loro, povere creature davvero innocenti, salvate dalla preveggenza di un genio, Leonardo appunto, in anticipo di cinque secoli.

(Carla Rocchi) Fonte: http://www.nelcuore.org/

Annunci