Astenersi perditempo! Se non amate il piccante-piccante, questo post non fa per voi.

La crema di peperoncini è una ricetta tipica del sud Italia dove intere regioni hanno eletto il peperoncino il Signore incostrastato dei condimenti.

Nella versione che io preferisco, la crema è preparata rigorosamente con peperoncini rossi e piccantissimi, dal colore del fuoco e dal profumo intenso.

Le avvertenze sono d’obbligo: armatevi di guanti e partiamo!

Dose per un vasettino da 150 gr:

  • 100 gr di peperoncini rossi freschi
  • 1 spicchio d’aglio bio
  • 1/2 c di sale fino integrale
  • olio EVO qb

Procedimento: lavare e pulire i peperoncini con uno straccio o con un tovagliolo di carta inumidito, eliminando solo i piccioli.

Mettere i peperoncini nel mixer con aglio e sale, frullare e poi riporre a scolare in un piccolo colino, per tutta la notte. Il giorno dopo, mettere la polpa ottenuta nel vasetto e coprire con olio EVO.

Stop. Solo per gli amanti del genere. Io sono tra quelli.

PS: il liquido rosso fuoco lo potete usare nei giorni successivi per “rinvigorire” sughi, salse, intingoli o per dare carattere alle verdure.

Una volta aperto il vasetto, è bene conservarlo in frigorifero e consumarlo entro poco tempo: la crema di peperoncini sta bene ovunque, sul pane, nelle verdure, sui legumi, nelle zuppe e nel minestrone, ecc … ecc …

Alternative: se invece volete preparare della crema al peperoncino “meno piccante” o se avete in mente di farne grandi quantità da stipare in dispensa, vi suggerisco di:

E, giusto per ingolosirvi, vi lascio un’anteprima del Libro del Contest che sto ultimando in questi giorni (se clikkate sulle immagini, le vedete ingrandite).

Eh già … manca poco alla proclamazione dei vincitori. E come sempre un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Annunci