Ma cari Ravanelli, ben trovati! Dopo una settimana superlavorativa, eccomi graziata da un paio d’ore libere. Ne ho approfittato per portarmi avanti sulle merende e sulle colazioni della prossima settimana e, ispirata dai bellissimi biscotti di Samantha di Laboratorioveg, che a sua volta ha preso ispirazione dalla frolla senza burro di Luca Montersino, ecco che ho sfornato i miei: una cinquantina di Spitzbuben di segale e senza zucchero.biscotti coniglio_93

La frolla è decisamente buona: friabile, profumata, tenera dentro e croccante fuori. Davvero invitante.biscotti coniglio_92

Ingredienti per 35 spitzbuben grandi e 20 piccoli (realizzati con il negativo dello stampo):

  • 300 gr farina di segale integrale bio
  • 200 gr farina tipo 2 bio
  • 100 ml olio girasole spremuto a freddo bio
  • 50 olio evo bio
  • 250 gr malto integrale di riso bio
  • 100/150 ml di succo di mela bio
  • 1 pizzico di sale integrale
  • 1 C di vaniglia in polvere bio
  • ½ bustina cremor tartaro bio
  • marmellata di sola frutta o dolcificata con succo di mela o uva

biscotti coniglio_1Procedimento: seguo la ricetta di Samantha, cambiando solo qualche ingrediente e, come da indicazioni, faccio tutto nel robot da cucina (o nell’impastatrice).

Mettere nell’impastatrice il malto ed azionare. Aggiungere, poco alla volta, l’olio di girasole e quello extra vergine d’oliva. Poi la vaniglia in polvere, il lievito ed infine, sempre piano piano, le farine. Lavorare per un minuto e trasferire il tutto in una ciotola capiente.

Ora dobbiamo aggiungere il succo di mela all’impasto: questa operazione è necessaria sia per compensare il minus di dolcezza rispetto alla ricetta di Montersino (poichè lo zucchero ha un potere dolcificante doppio rispetto al malto), sia per pareggiare il deficit di liquidi (insomma, stiamo a prendere due piccioni con una sola fava, con rispetto parlando per i piccioni e pure per la fava ;-D).

Procedere in questo modo: versare il succo di mela poco alla volta e lavorare velocemente l’impasto, in più riprese, fino a quando risulterà compatto, ma morbido. Coprire la ciotola con della pellicola e mettere a riposare in frigorifero per un paio d’ore.

biscotti coniglio_3Trascorso il tempo di riposo, traferire l’impasto su una spianatoia infarinata. Con un coppapasta rotondo realizzare dei dischi; a metà di questi pratichiamo un decoro, servendoci di un coppapasta più piccolo della forma preferita: io avevo la Ravanellina in cucina che si è sbizzarrita con coniglietti, orsetti e cuori.

Sulle metà intatte, versiamo nel centro un cucchiaino di marmellata.

Con un pennello inumidito d’acqua, spalmiamo tutte le altre metà sagomate e le sovrapponiamo alle metà con la marmellata; aiutandoci con le dita, esercitiamo una leggera pressione ed uniamo i bordi.

biscotti coniglio_8biscotti coniglio_9Per finire, accoppiamo anche tutte le formine avanzate, unendole con un pò di marmellata.

E tutti i ritagli? Beh, in forno anche quelli, che quando saran cotti, saranno i primi a sparire! Facciamo cuocere in forno già caldo a 180 gradi per circa 15 minuti.

Il giorno 11 gennaio 2013, si è concluso il contest Felici e Curiosi di Ravanello Curioso e Le delizie di Feli! Si, insomma, il contest dove Marco Bianchi è il GIUDICE e dove tutti quelli che partecipano VINCONO!! Potete andare a sbirciare tra le 300 ricette pervenute … in attesa che vengano proclamati i vincitori!

rav FBE, come sempre, un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Annunci