Cari Ravanelli, torniamo alla carica con un grande classico: il budino al cioccolato. L’idea fondante, l’anima di questo speciale budino, è di Annalisa che ne presentò la ricetta “Budino al cioccolato, robinia e noce moscata” al Primo contest Ravanello, ma che, soprattutto, lo preparò in occasione di un bel weekend. Sia io che la Ravanellina ne fummo stregate … e giunte a casa … …DSC_0151

… non avevamo in dispensa nè malto, nè latte di soia: il risultato fu comunque ottimo e così, da diversi mesi, abbiamo adottato questa formula.

Un budino corposo, setoso, cioccolatoso, goloso … curioso ;-D. Vedrete che squisitezza!

Ingredienti per circa 10 budini mignon o 6 generosi:

  • 1 lt di latte di riso integrale bio
  • 2 C di cacao in polvere bio
  • 2 C di farina di tipo 2 o integrale bio
  • 2 C di sapa o di vincotto (se non l’avete, 2 C di succo d’acero o di malto)
  • 2 C di amido bio
  • 6 C di olio di girasole deodorato spremuto a freddo
  • 1 tavoletta di cioccolato fondente, meglio de dolcificata con malto
  • 1 c di polvere magica d’arancia bio (se gradito)
  • 1 c di cannella in polvere bio (se gradito)
  • 1 c di noce moscata in polvere bio (se gradito)
  • 1 c di vaniglia in polvere bio (se gradito)

Preparate per prima cosa le formine: stendete un panno sopra la tavola, passate sotto l’acqua fredda tutte le formine, scolatele grossolanamente e poggiate sul panno le vostre formine per i budini.

In una pentola di acciaio con il fondo alto, versate tutto il latte di riso e portatelo al bollore.

DSC_0076Nel mentre prendete due belle tazze capienti:

  1. nella prima mettete il cacao in polvere, la farina e la sapa. Girate per benino ed allungate, poco alla volta, con un pò di latte di riso che preleverete dalla pentola. Quando avrete ottenuto un liquido uniforme e senza grumi, versate nel latte e girate per bene con una frusta;
  2. nell’altra tazza amalgamate l’amido e l’olio. Quando il latte bolle, versate anche il contenuto di questa tazza nella pentola e fate sobbollire per 5 minuti.

DSC_0081Spegnete e lasciate la pentola sul fuoco: con le mani spezzettate la tavoletta di cioccolato fondente e buttate tutto il cioccolato nel budino, poi aggiungete tutte le spezie di vostro gusto; sbattete vigorosamente con la frusta. Il cioccolato si scioglierà in un baleno. DSC_0084Ora mettete il budino nelle formine: se avete buona manualità, versate direttamente dalla pentola e riempite le formine, altrimenti aiutatevi con un mestolo; qualche goccia di cioccolato scapperà qua e là: per quello è necessario mettere un panno sotto le formine, almeno non sporcheremo tutta la tovaglia. ;-D

Ed ora vi si presenta un grande problema: quando mangiare il budino?budino cioccolato_1

E’ veramente delizioso a tutte le temperature. Lo potete divorare subito, oppure lo fate raffreddare e poi lo riponete in frigo, coperto con una pellicola, per un paio d’ore prima di consumare. DSC_0164La Ravanellina lo “corregge” sempre con qualche gheriglio di noce … ma ognuno declinerà secondo suo gusto! E, mi raccomando, per tutte le spiegazioni tecniche, vi rimando al post di Annalisa che è un vero capolavoro sul budino al cioccolato.

Ricordandovi che io, Felicia e Marco Bianchi stiamo incessantemente lavorando al contest Felici e Curiosi, e che manca poco alla proclamazione dei vincitori, vi invito ad andare a sbirciare tra le 300 ricette pervenute …

rav FB

E come sempre,

un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Advertisements