salutiamoci… che va dritto, dritto a Salutiamoci!, l’ormai famosissimo gioco di Stella, Lo, Cobrizo e Brii: “La sfida consiste nel cucinare qualcosa di buono, bello e soprattutto sano, alla scoperta di nuovi ingredienti nel rispetto della loro stagionalità, approfondendo la conoscenza del rapporto tra cibo e salute, ed evitando soprattutto facili scorciatoie industriali o scelte che prediligano solo l’occhio o il palato senza tener conto della salubrità nel lungo termine”! Questo mese il gioco è ospitato da Katia di Pappa e cicci!

E mi raccomando, correte tutti a vedere il bellissimo blog di Salutiamoci!.

Sfiziosità, antipasti e salsine

Tramezzino ricco con hummus verdetramezzino ricco

Hummus di cecihummus-di-ceci_4

Piadina ricca con hummuspiada_6

Falafel falafel_941

Hamburger Portobello (di Papalo y Papalotl)copia-di-hamburge

Primi piatti

Gnocchi di grano saraceno con tamari di ceci in fantasia di ricotta veg e verdure gnocchi di grano saraceno

Insalata di riso con ceci e avocado agrodolceinsalata di riso

Pasta fredda in emulsione di miso con ceci e zucchine marinate pasta-fredda-con-zucchine-marinate-ed-emulsione-di-miso_1

Farinate per tutti i gusti

Farinata con fagiolini e pomodorini confitfarinata-fagiolini-e-pomodorini-confit_61

Farinata con cipollotti e broccolifarinata-cipollotto-e-broccolo_21

Farinata 3P: porro, prezzemolo e peperonefarinata-verdure_2

Dolce … che non ti aspetti

La Cuccìa di Santa Luciacuccia_3

Trucchi e barbatrucchi

E mi raccomando: per cuocere i ceci non servono ore ed ore di cottura che finisce che inquiniamo inutilmente il nostro bel pianeta, buttiamo soldi dalla finestra e sprechiamo energia! Basta far bollire i ceci per 20 minuti e poi spegnere il fuoco: chiudere ben, bene, bene la pentola, coprirla amorevolmente con una copertina e lasciarla lì, al caldo, per una mezza giornata.

Il gioco è fatto! Ceci cotti a puntino a costo ZERO! Per tutti i dettagli, vi rimando al post della Cottura – Non Cottura.

E per finire, questa! Concedetemela, dai! schifo-2Non è una ricetta, ma il ricordo di un articolo al cui pensiero sorrido ancora con tanta malinconia: “Il giorno che una farinata terrorizzò Milano”, una storia vera che narra l’incredibile vicenda di un gruppo di poveri bambini milanesi costretti ad assaggiare una farinata (di CECI) con rosmarino!

rav-fb1E come sempre, un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.