Carissimi Ravanelli, bentrovati!

Sono da poco ripiombata nella fase ‘studio/violento/a/qualsiasi/ora/del/giorno/e/della/notte’ a cui ho aggiunto anche la variante ‘riconquista/della/forma/fisica/in/palestra’ e ‘dieta/ferrea’, sicché capirete in che stato pietoso io possa essere … visto che lavoro pure a tempo pienissimo. 😫😂😵

Il passato anno accademico ho dato così tanti esami in università che il solo ricordo mi spaventa: sono stati 12 mesi in cui ho perso il sonno, il conto dei giorni e delle notti e credo anche la lucidità. Ed ora non posso fare altro che ricominciare il nuovo giro di giostra!

Come aiuto si offrono spontanee al mio diletto le TORTE AL CIOCCOLATO. E’ vero che si tratta di dolci molto calorici, ma sono così ricchi di nutrienti buoni che le mangio (poco eh?) senza sensi di colpa.

Ormai sono innamorata persa della mia Golosina al cioccolato (ricetta nel link) che considero una torta buonissima e geniale nella sua semplicità e nei suoi 3 ingredienti (CIOCCOLATO, MANDORLE E LATTE DI MANDORLE), oltretutto priva di cereali e naturalmente senza glutine: benché già appagata, ho tuttavia tentato di farne una nuova versione più alta e ne ho testata una variante che mi ha stregata. In sostanza ho quasi raddoppiato le dosi e aggiunto della farina di mele (che non è niente di esotico: ma sono semplici mele essiccate e poi tritate per essere ridotte in polvere) e …. boom!!!

La Golosina è diventata una Golosona taglia forte!


INGREDIENTI:

  • 300 g cioccolato fondente
  • 350 g di farina di mandorle (o di nocciole)
  • 100 g di farina di mele
  • 350/400 g latte mandorle (o di nocciole)
  • 3 C di olio EVO
  • 2 C abbondante di amido o kuzu
  • 2 C di cremor tartaro o lievito per torte

Potete impiegare farina di mandorle e nocciole già pronta, ma in questo caso i costi lievitano. Altrimenti potete autoprodurvela tritando finemente i semi oleaginosi con un buon mixer, senza farlo surriscaldare.

Se volete potete anche tostare i semi: ne guadagnerà di gran lunga il sapore. Mi raccomando però: quando li riducete a farina, usate i semi completamente raffreddati!

Lo stesso dicasi per la farina di mele: usate 100 g di mele essiccate e riducetele in polvere fine.

PROCEDIMENTO

Mettere sul fuoco il latte di mandorle (o di nocciole) ed il cioccolato e fare sciogliere a fiamma bassa, girando spesso. Lasciare raffreddare completamente.
Aggiungere la farina di mandorle (o di nocciole), la farina di mele, poi il lievito, l’amido e l’olio.
Con il minipimer amalgamare per bene, fino a quando l’impasto avrà un bell’aspetto lucente, omogeneo e denso. Assaggiare: se per il vostro palato l’impasto è dolce, potete infornare; se invece lo desiderate più dolce, potete aggiungere 2/3 cucchiai di zucchero raw di cocco o di sciroppo d’acero.

Versare l’impasto in una teglia da 24 cm ricoperta di carta da forno: la Golosona dovrà essere più alta della Golosina e pastosa come un brownie.

Infornare la torta a forno freddo, portare la temperatura a 180 gradi e cuocere per 30 minuti circa. Fare la prova dello stecco: se la torta risulta morbida nel centro, ma ha fatto la crosticina, va bene lo stesso e non occorre farla stare troppo in forno perché si rapprendera’ naturalmente raddreddandosi grazie all’azione congiunta dell’amido e del cacao.

PROCEDIMENTO PER IL BIMBY
Mettere nel boccale mandorle (o nocciole) e amido (o kuzu) per 1 minuto a velocità 10 per ridurre finemente in farina.

Aggiungere le mele e ripetere l’operazione per 30 secondi, sempre a velocità 10.

Aggiungere nel boccale il latte di mandorle (o di nocciole) e le tavolette di cioccolato, spezzettate grossolanamente: far andare tutto insieme per 1 minuto a v.5. Aprire il boccale, spatolare lungo i bordi e raccogliere tutto l’impasto in fondo al bicchiere. Aggiungere il lievito e l’olio e far andare 1 minuto e mezzo a velocità 10. Il composto risulterà corposo, lucido e nero.
Assaggiare e cuocere procedendo come sopra.

E come sempre,

un buon,

buon appetito

da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Annunci