Cari Ravanelli beeeeeellissssssssimi! Arriva il caldo … e vien voglia di gelati! E perchè non accompagnarli con una mordibissima e profumatissima brioche con il tuppo? Per realizzarle ho preso spunto da una ricetta condivisa all’interno della bellissima Arca di Eva, con alcune piccole modifiche.collageTUPPO

Ecco a voi le dosi per realizzare 10/12 brioche con il tuppo:

  • 500 gr di farina di tipo 1 biologica
  • 10 gr di lievito di birra fresco (nell’attesa che qualche anima pia mi doni un pò di Pasta Madre)
  • 50 gr di olio di girasole spremuto a freddo e deodorato
  • 10 gr di sale
  • 250 gr di latte di mandorle
  • 80 gr di zucchero di cocco (gulamerah) o zucchero integrale di canna
  • 1/2 c di vaniglia in polvere bio
  • 1 scorza di limone o arancia non trattata grattuggiata
  • un gianduiotto vegan per brioche
  • per spennellare prima di infornare: qualche C di succo d’acero o agave o malto emulsionato con poca acqua

WP_20150510_17_34_49_ProUnire latte, olio, lievito e zucchero e mescolare. Aggiungere farina, vaniglia e sale, scorza d’agrume e impastare bene, molto bene. (Procedimento per il Bimby: mettere nel boccale latte, olio, lievito e zucchero, 30 sec v.4. Aggiungere farina, vaniglia e sale, scorza d’agrume e far andare ancora 30 sec v.4. Poi modalità spiga per 10 minuti).

Mettere l’impasto in una ciotola e lasciare lievitare per 40 minuti. Formare 10/12 palline di circa 65 gr con altrettante palline di 10/15 grammi, pirlandole tutte con cura. Con il dito, praticare un incavo nelle palline più grandi ed alloggiarvi dentro la pallina più piccola. Io, che ormai sono nel tunnel delle brioche ripiene di gianduiotto, ci ho ficcato dentro anche quello; così, quando le brioche saranno sfornate, il gianduiotto sarà sciolto e cremoso … gnam gnam!

Far lievitare su teglia rivestita di carta da forno fino al raddoppio del volume.

Spennellare con l’emulsione di acqua e malto (o agave o acero) ed infornare a 200 gradi, in forno caldo, per circa 20 minuti. Sfornare e mettere a raffreddare su di una gratella. Se non le consumate tutte subito, una volta fredde, riponetele in un sacchetto o in un contenitore ben chiuso.

gelato bananaMa quanto buone sono le brioche con il gelato?

Io me le gusto con i miei gelati raw alla banana oppure alla banana fragola!

Ma anche il gelato alla nocciola … è la morte sua! Qui sul blog trovate le ricette!

gelatoNOTE DI UNA “CATANISE”: “Queste sono l’apoteosi delle brioche, famosissime in tutti i bar di Catania, sia d’estate che d’inverno. In estate comunque trovano la loro giusta e suprema morte pucciate con la granita, che può essere al cioccolato, alle mandorle, al caffè, ai gelsi rossi e in tantissimi altri gusti e impreziosita da qualche fiocchetto di panna; oppure sovente, si taglia la brioche a metà e si colloca dentro abbondante gelato. Noi ci ceniamo, in quelle serate afose dove la calura estiva richiede qualcosa di fresco ma di consistente per la pancina!”. Fonte: Gennarino http://www.gennarino.org/briochesicule.htm

Sono perfette anche per la colazione: farcite con marmellata, crema al cioccolato, malto, creme di semi oleaginosi e chi più ne ha, più ne metta.

WP_20150512_07_52_27_ProCORSI DEL MESE DI MAGGIO

E nel salutarvi, vi ricordo le prossime date su Milano:

  • il 17 maggio il Crudismo con Essere Animali (l’evento è sold out) ed
  • il 24 Maggio presso l’Italiancakedesign School vi aspetto per un magnifico incontro sulla piccola pasticceria: realizzeremo insieme cose folli, perchè la pasticceria vegana si apre a sperimentazioni senza confini! E allora via a meringhe senza albume, colorate e sfiziose come macarons, bignè gonfi e soffici da imbottire con crema pasticcera e farne castelli di profiterole, poi tartellette di friabile frolla e frutta fresca. Faremo insieme anche il burro vegetale, meravigliosi e languidi tartufi di cioccolato, e per finire crema chantilly e panna di cocco! Un corso davvero ricco di novità. ❤ ❤ ❤

 piccola pasticceriaVi lascio qui di seguito la locandina con tutti i dettagli.

 ravanelloE come sempre,

un buon,

buon appetito da Ravanello Curioso.

PPSS: ci trovi anche su Facebook.

Annunci