Cari Ravanelli ben trovati! Dopo qualche giorno di ricerche, ho provato a cimentarmi nella versione vegan del Pandoro. Ho fatto bene i compiti, studiando e sperimentando un pò, ho giocato con tempi di lievitazione, variabili tecniche, ingredienti, Pasta Madre (PM) vs Lievito di Birra Fresco (ldb), pandoro sfogliato e non.

E fu così che nella cucina Ravanella spuntarono trilioni di pandori: morbidi, gustosi, profumati!

Il segreto per una buona riuscita? Non perdersi d’animo ed armarsi di tre cosette: una forma per il pandoro, un’impastatrice (o altro robot che assolva a questa funzione, ad es. il bimby) ed un termometro per alimenti.DSC_6190

(Nell’immagine Pandoro a due impasti con PM).

DSC_6250Per giungere ad un risultato soddisfacente, mi sono ispirata a ricette tradizionali, a maestri indiscussi nel Pandoro con PM ed, anche, a sperimentatori che hanno offerto la loro versione vegan e con ldb; la mia riconoscenza va quindi a il pandoro di Giorilli con PM a due impasti del bellissimo blog Fables de Sucre, il pandoro sfogliato di Adriano, la ricetta Perfetta su Dissapore, il pandoro sfogliato delle Sorelle Simili proposto da La Cucina di Marble,veganizzato da Clotilde, Ecoo e Il verde in tavola. Per la sfogliatura e lo studio delle pieghe, devo ringraziare Montersino e Eddina84. Per il metodo del ‘Water Roux’, tutte le indicazioni vengono da Golosando, dove trovate una accurata spiegazione su come realizzarlo. Per l’utilizzo dell’acqua dei legumi, cito me medesima nella sperimentazione ormai avviata delle meringhe ed infine per il burro vegetale rimando alla proposta dalla mitica Alice Chiara (che ringrazio doppiamente per avermi anche spacciato la mia nuova PM). La versione di burro usata in queste ricette è semplificata e la trovate qui.DSC_6174

(Nell’immagine Pandoro sfogliato con ldb, zucchero integrale e acqua dei legumi).

E dopo aver letto tutto questo che ho fatto?

Beh, ho messo insieme idee differenti, metodi e sperimentazioni ed ho provato … provato … provato … introducendo variabili nuove e personali. Alla fine ho realizzato tre varianti alla portata sia di chi ha poco tempo e vuole realizzare un PANDORO IN UNA GIORNATA (la versione 2), sia di chi cerca un prodotto più complesso ed ama il gioco da veri duri (la versione 3 con PM) e sia di chi vuole lavorare comunque sulla riduzione di zuccheri raffinati e predilige un prodotto senza soia (la versione 1)!WP_20151206_12_18_33_Pro

(Nell’immagine Pandoro sfogliato con ldb e latte di soia).

In ogni caso, ne sono nati Pandori buonissimi! Morbidi, vaporosi, golosi. Per chi ha rinunciato per anni al Pandoro, direi LA SVOLTA!

Dal punto di vista squisitamente tecnico, il Pandoro con PM presenta l’alveolatura migliore e più caratteristica del prodotto convenzionale,pandoro

mentre quello sfogliato ha alveoli DSC_6222più marcati (conseguenza, credo, della mia imperfetta gestione del passaggio da sfogliatura e piegatura a libro al successivo inserimento nel pirottino: magari qualcuno di voi mi illumina @_ò). Ma visto che manca poco al Natale, io mi accontento di morbidezza, gusto e dolcezza di questo primo esperimento incrociato. In fondo è solo un punto di partenza per nuove e meravigliose variazioni.

Ora vi lascio le tre ricette: erano un po’ difficili da sintetizzare, per la diversità di tempi e lavorazioni, così ho provato a schematizzarle al meglio che potevo.

I TEMPI SONO INDICATIVI, non potendo prevedere le reali reazioni della vostra massa. Ho comunque cercato di organizzarvi il lavoro in modo da evitare le classiche levatacce notturne! INCROCIAMO LE DITA! 😀

In ultimo vorrei ricordarvi che, per l’ottima riuscita di questi prodotti, le variabili in gioco sono molte (temperature domestiche, camere di lievitazione, vivacità della pasta madre, capacità tecniche nella pirlatura o piegatura, ecc …), ma NULLA DEVE SPAVENTARVI perché comunque vada … il Vostro Pandoro SARA’ UN SUCCESSO!

Affrontatelo con disposizione d’animo positiva e tanta convinzione: otterrete dei risultati meravigliosi. Fatevi aiutare dalle immagini e dai video che vi ho consigliato. E per tutti i dubbi … sono qua!

RICETTA NUMERO 1 – PANDORO SFOGLIATO CON LDB, ZUCCHERO INTEGRALE E ACQUA DEI LEGUMI

Clicca qui per la ricetta num. 1collageINGREDIENTI

(Nella foto: ingredienti e primo impasto)collagePIEGHE

(Nella foto: sfogliatura con il burro autoprodotto)

RICETTA NUMERO 2 – PANDORO SFOGLIATO CON LDB E LATTE DI SOIA

Clicca qui per la ricetta num. 2

collageLIEVITAZIONE(Nella foto: lievitazione e cottura)

RICETTA NUMERO 3 – PANDORO A DUE IMPASTI CON PM

Clicca qui per la ricetta num. 3

collagePM(Nella foto: water roux, emulsione al burro e pirlatura).

DSC_6201

Ricordate sempre che potete trovarmi qui o sulla pagina FB!DSC_6260-11

Un grazie gigante al Ravanello per tutta la preziosa collaborazione! ❤ ❤ ❤

ravanelloE come sempre,

un buon, buon appetito da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Advertisements