Carissimi Ravanelli, qui piove. Eh niente … in automatico mi sale una fame primordiale. Se c’è una cosa che davvero mi provoca una salivazione incontrollata, quella cosa risponde al nome di ‘u pani chi panelli e cazzilli’.

Se fatto come un palermitano comanda, il risultato è un panino da strada già vegan all’origine, dove pochissimi ingredienti sono trasformati per magia in una prelibatezza!

panellecazzilli3

Foto di Visit Sicily.

Oggi parliamo solo dei ‘cazzilli’!

Se però volete cimentarvi nella ricetta completa, qui trovate la ricetta delle panelle (tagliatele a quadrotti, invece che a bastoncini!) e qui indicazioni su come fare il pane. I cazzili, noti anche come crocchè, rappresentano un classico della rosticceria siciliana e devono il loro nome alla tipica forma allungata. E qui mi fermo. 😄

Per prepararli vale una sola regola d’oro (frittura perfetta a parte!): l’uso di patate FARINOSE!cazzilli-o-crocchette-patate2

Ingredienti per circa 20/25 cazzilli:

  • patate farinose bio 1 kg
  • un mazzetto di prezzemolo fresco tritato
  • sale fino integrale di Sicilia qb
  • pepe nero appena macinato qb
  • olio di girasole bio per friggere
  • limoni bio

Procedimento:

Lavare e lessare le patate intere con la buccia, in acqua salata. Scolarle e farle raffreddare completamente. Pelarle e passarle al passaverdura, ottenendo una purea morbida: unire prezzemolo tritato, sale, pepe e mescolare con cura. Ungere le mani con olio e prelevare una piccola quantità di composto per formare un cazzillo e procedere così fino a terminare l’impasto, disponendo i cazzilli ben distanti su un vassoio.

Friggere i cazzilli, due o tre alla volta. Salarli e gustarli caldi, così da soli o in compagnia delle panelle. Sono ottimi se innaffiati con tanto succo di limone appena spremuto!

PS: se proprio doveste constatare che il vostro impasto è troppo morbido (le patate non erano farinose!!! Ahinoi!!!), aggiungete un po’ di farina o di amido di patate: la ricetta originale non lo prevede, ma nessuno ve lo vieta.

ravanelloE come sempre,

un buon,

buon appetito

da Ravanello Curioso!

PS: ci trovi anche su Facebook.

Advertisements