Ok, giochiamo a carte scoperte. Questa ricetta è facile, ma è lunga quanto un’era geologica: tra l’inizio e la fine della torta potreste assistere a delle estinzioni di massa. Probabilmente dei vostri marroni, non quelli della torta, gli altri.

DSC_5746L’operazione di bollitura e di pulizia delle castagne è qualcosa che ha messo a durissima prova anche la mia pazienza. Però, il risultato finale è a dir poco delizioso e perfetto per tutti i castagna addicted!

Questa torta è stata pensata ed immaginata solo per lei, la luce dei miei occhi, la mia donnina golosa di castagne. Il suo entusiasmo mi ha largamente ripagato di tutte le pene.

Ingredienti:

  • DSC_5712una base di frolla all’olio di Montersino come da consueta ricetta
  • 1 kg di castagne grandi fresche
  • 150 gr di cioccolato fondente
  • 150 gr di acqua
  • qualche ago di rosmarino

Preparare la frolla

La ricetta è sempre quella: stendere la frolla in una tortiera da ca. 28 cm di diametro, realizzando un bordo di almeno 2 cm di altezza; bucherellare per bene la base e mettere in frigo la frolla stesa per almeno un’ora.

Preparare le castagne

Lavare le castagne, inciderle con un coltellino per il lungo e metterle a bollire in abbondante acqua fresca con un pizzico di sale ed un paio di foglie di alloro. Per la bollitura e la pulitura seguite queste validissime indicazioni di Profumo di Lievito.

Io vi confesso che già a questo punto della ricetta mi ero amaramente pentita di avere iniziato. Se posso sprecare un consiglio, è meglio chiedere l’aiuto del pubblico, magari con un paio di amici in vena di chiacchiere. Bene, tiremm innanz!

Accendere il forno a 200 gradi e portarlo a temperatura: far cuocere il guscio di crostata per circa 30 minuti. Sfornare e fare raffreddare completamente.

Una volta che avrete bollito e pelato tutte le castagne, ricoprite la base della frolla con le stesse. A pezzi o intere, son buone lo stesso.

DSC_5733Preparare la mousse di cioccolato: mettere a sciogliere la tavoletta dopo averla spezzettata grossolanamente e, seguendo le indicazioni del ben noto cioccolato chantilly, realizzare la mousse Hervè This, dettaCioccolato Chantilly“: seguite passo passo la ricetta magistralmente spiegata dal Dario nazionale qui nel suo blog “La Scienza in cucina”; in due parole, sciogliere il cioccolato, aggiungere tutta l’acqua, mettere in una bacinella ghiacciata e montare. Et voilà!

Versare sulle castagne e lasciare raffreddare. La crostata si conserva in frigorifero per qualche giorno, però da il meglio di sé a temperatura ambiente.

rav-fb1E, come sempre, un buon, buon appettito da Ravanello Curioso.

PS: ci trovi anche su Facebook.

Annunci