Ah ah! A volte si torna dalla spiaggia con una fame da leoni: eccoci serviti con una croccante fetta di pane integrale di pasta madre inondato con hummus di cannellini. Il tutto arricchito da capperi e menta ed accompagnato da un coloratissimo bicchiere di succo naturale di fico d’india! DSC_5600

Ingredienti:

Hummus per 4 persone:

  • 250/300 gr di cannellini cotti bio
  • 1/2 limone spremuto bio
  • 5 C di olio EVO
  • 1 pizzico di sale
  • 1/2 spicchio di aglio (facoltativo, ma suggerito)
  • 2 C di salsa tahina (facoltativa, ma suggerita)
  • 1/2 c di cumino in polvere (facoltativo)
  • 1/2 c di paprika dolce (facoltativo)
  • menta fresca tritata

DSC_5590

Procedimento: Mettere i cannellini nel robot da cucina, insieme al succo di limone, il sale e l’olio e miscelare per bene; se vi occorre, per rendere la salsa più morbida, allungare il tutto con un pò di acqua di cottura dei cannellini o con il liquido di conserva, se avete usato quelli già pronti. Potete aggiungere da subito ogni altro ingrediente opzionale di vostro gusto, tranne la menta che andrà spolverata sulla salsa direttamente nel piatto. L’hummus deve risultare cremoso e privo di grumi.

Spalmare sul pane ed arricchire con capperi, menta fresca ed una spolverata di origano.

Succo di fico d’india per 4 bicchieri:

  • 4 fichi d’india freschi, ben maturi e puliti
  • 2 C di miel de palma
  • acqua.

Sbucciare e spremere i fichi, schiacciandoli con le mani in una bacinella. Colare il succo utilizzando una pezza di cotone o un pezzo di sacco di iuta che, grazie alla trama larga, riesce a separare i semi dal succo. Aggiungere del succo d’acero o miel de palma o malto di riso a piacere e diluire con abbondante acqua. Servire fresco.

In alternativa, comprate il succo già pronto al mercatino dell’artigianato di Fuerteventura. Hi hi hi  ….

Il succo di fico d’india ha un sapore leggermente pungente, che ricorda, sia per la nota acidula, sia per il colore, il delizioso karkadè (o tè de jamaica, come viene chiamato in Messico): perciò in mancanza di fichi d’india, fatevi pure un tè di karkadè lasciando in infusione tutta la notte tre bustine in un litro e mezzo di acqua fredda direttamente in frigo.

Niente appaga di più la vista di quel colore rosso rubino …

rav-fb1E, come sempre, un buon, buon appetito da Ravanello Curioso.

PS: ci trovi anche su Facebook.

Advertisements